IMPORTANTE:

ADR Congressi organizza corsi professionali rivolti a medici, farmacisti e professionisti del settore sanitario e farmaceutico. I corsi possono rilasciare crediti ECM o semplici attestati di frequenza.

Il contenuto seguente è protetto da una chiave d’accesso. Per avere maggiori informazioni contattaci. Per visualizzarlo inserisci di seguito la chiave che ti è stata fornita:

 

Viaggio nella Cardiologia. Focus su: Ipertensione-Scompenso Cardiaco-Sindromi coronariche

  • DATA INIZIO DEL CORSO: 01/06/2016
  • DATA FINE E CHIUSURA: 31/12/2016
  • DURATA EFFETTIVA DELL’ATTIVITÀ FORMATIVA: 8 ore
  • DESTINATARI DEL CORSO: 2000 Medici Di Medicina Generale
  • RESPONSABILE SCIENTIFICO:  Prof. Francesco Romeo

Acquisizione competenze tecnico professionali Consentire l’aggiornamento scientifico e clinico su patologie cardiache che costituiscono una delle più frequenti condizioni cliniche con cui il medico deve confrontarsi giornalmente. I MODULI sviluppano argomenti che riguardano esclusivamente la specialistica della cardiologia , e si rivolge ai Medici di medicina generale , che acquisiranno ulteriori competenze sugli aspetti clinici e diagnostici relativi allo insufficienza cardiaca ,scompenso cardiaco e all’ipertensione arteriosa.

L’insufficienza cardiaca cronica è un problema di salute in continua crescita: interessa l’1-2% della popolazione dei paesi occidentali e mantiene un tasso di mortalità ancora elevato nonostante i progressi nella comprensione delle cause e negli sviluppi di nuove terapie. È una sindrome complessa per cui il cuore si indebolisce e la sua attività diviene insufficiente per l’organismo. Se si sviluppa un danno irreversibile a carico del cuore, il cuore stesso e tutto il sistema cardiocircolatorio si adattano mettendo in atto meccanismi di compenso. Se anche questi tentativi falliscono, si instaura l’insufficienza cardiaca cronica. Senza una riserva funzionale adeguata, il cuore si destabilizza e non risponde efficacemente alle richieste metaboliche degli organi. Queste destabilizzazioni possono compromettere la funzione residua del cuore e aggravare ulteriormente la situazione. Nonostante i recenti progressi nella comprensione dei meccanismi fisiopatologici e negli sviluppi di nuove strategie terapeutiche, la prognosi dello scompenso cardiaco cronico è paragonabile a quella di malattie con una mortalità tuttora elevata. Se la patologia viene trattata e controllata tempestivamente, si possono comunque ottenere esiti di cura soddisfacenti.